QUANDO IL NATALE EDUCA A STARE INSIEME E AD ESSERE CREATIVI


Materiali poveri e riciclati come pasta secca, carta, cartone, stoffe e molto, molto entusiasmo e creatività. Questi gli ingredienti che hanno reso speciale la celebrazione del Natale da parte delle classi prime, seconde e terze della scuola Media “D. Alighieri”. Il laboratorio dall’emblematico titolo “Natale tra arte e riciclo creativo” ha coinvolto tutti i ragazzi che hanno contribuito ognuno a modo proprio a celebrare una ricorrenza così significativa. Le classi prime si sono espresse al meglio realizzando un grande e originale presepe in cui i personaggi della Natività hanno preso vita in modo creativo e simpatico grazie all’utilizzo estroso della comune pasta secca. Ed è così che fusilli, maccheroncini, tagliatelle e pennette si sono trasformate in capelli, abiti, palme e stelle comete. Le seconde hanno preso spunto dalle immagini della natività tradizionale e della maternità utilizzando variegate tecniche miste a base di carta e cartone riciclato. Le terze classi poi hanno realizzato alberi di Natale ispirandosi sia alla tradizione sia a modelli alternativi. La tecnica utilizzata è stata per lo più acrilico con inserimento di materiale riciclato a mo’ di decorazione.
“Una bella esperienza – hanno commentato le insegnanti Alessandra Angius, Debora
Corridori, Loredana Grillo e Patricia Pulvirenti che hanno coordinato e supportato i ragazzi
nel loro lavoro – che ha contribuito a unire i compagni di classe e a riflettere sull’importanza
del riutilizzo di tanti materiali dando loro nuova vita”.